Get Adobe Flash player
Home Fogli di collegamento 2014 FOGLIO DI COLLEG dal 28 dicembre '14 al 4 gennaio '15

WhatsApp Image 2019-04-28 at 08.54.03

FOGLIO DI COLLEG dal 28 dicembre '14 al 4 gennaio '15

LA FAMIGLIA: UNA VOCAZIONE ED UNA MISSIONE

A pochi giorni dal Natale siamo invitati a fissare il nostro sguardo sulla realtà umana che ha permesso l’incarnazione del figlio di Dio: la sua famiglia! Dio ha voluto nascere in una famiglia umana, in una comunità intessuta di affetto e conflitti, di condivisione e silenzio. In essa è cresciuto “pieno di sapienza e la grazia di Dio era su di Lui”; in essa ha ricevuto un’identità, ha imparato ad amare ed è stato educato nella fede del suo popolo. Una famiglia ha “umanizzato” Dio, perché è nella famiglia che l’amore di Dio si fa carne, diviene sperimentabile. Il Vangelo di questa domenica ci porta al Tempio di Gerusalemme dove Simeone e Anna, due anziani, si recano per la preghiera e lì incontrano il Messia. Essi sono il simbolo di Israele che attendeva il Messia. Giuseppe e Maria si recano nella “casa di Dio per adempiere la Legge”. Non si tratta di gesti vuoti, ma colmi di significato, dentro di essi c’è l’esistenza, essi traboccano dalla vita quotidiana e la trasformano. E proprio nel tessuto vivo di questi giorni di fede e di speranza che lo Spirito realizza questo incontro. E’ un appuntamento di gioia e di luce. Le parole di Simeone sono splendide. Agli occhi della carne si presenta solo un bambino, ma agli occhi della fede proprio quel piccolo è la salvezza del mondo, la luce donata ad ogni uomo, la gloria del suo popolo. Le parole di Simeone sono colme di felicità. Ma non manca un particolare oscuro, una profezia, un presagio di dolore e di tragedia. Quella “spada” che trapassa e trafigge l'anima delinea il rifiuto che verrà riservato a Cristo, la separazione tra chi lo accetta e chi lo rifiuta e il passaggio difficile attraverso la sofferenza che sua madre dovrà affrontare insieme al Figlio crocifisso. Quello che avviene nel tempio non riguarda, forse, solo i personaggi che abbiamo nominato... È la storia di ogni famiglia cristiana, dei suoi appuntamenti col Signore, dei momenti felici e dei passaggi dolorosi. È la storia della sua fede, della sua vita apparentemente simile a quella di tante altre, ma percorsa dalla presenza di Dio. Abbandonato il tempio, il Vangelo ci riporta, infatti, a Nazaret. Ed è lì, nella vita di ogni giorno, tessuta di fatica e di speranza, che si prepara la salvezza che Dio offre ad ogni uomo. E’ nella fatica e nella speranza di ogni giorno che le nostre famiglie portano avanti la loro opera, nella vocazione e nella missione che Dio ci ha donato. (don Mauro)

 
GLI AUGURI DI NATALE DEL VESCOVO ANDREA

Carissimo don Mauro, auguri! 
Un caloroso abbraccio a te, don Uber e don Nicola.
Ho un ricordo stupendo e vivo del tempo trascorso con voi e con tutta la comunità della Sacra Famiglia. Questa notte avrò un pensiero speciale per tutti: il cuore, come sai, si allarga, è “gonfiabile”! Ci stanno dentro tanti amici, tante amiche… 
Condivido con te e con la comunità questo augurio per il Natale: che possiamo avere la fortuna di incontrare di nuovo il Signore Gesù. Per qualcuno è la sorpresa, per altri è l’atteso, per tutti il festeggiato. Auguro di trovare tempi e silenzi per sostare nei luoghi del Natale: la strada, la capanna, Nazaret. Sono cose che mi sono entrate in cuore vivendo il Natale alla Sacra Famiglia.
La strada. Nei presepi le strade disegnano una rete tra casa e casa, tra le case e la capanna. La strada è metafora dell’incontro. Fare strada significa camminare gli uni verso gli altri nella verità e nell’amicizia. C’è sicuramente da superare qualche ostacolo, da equipaggiare la pazienza, da riprendersi dalla stanchezza e rialzarci dalle cadute. Impariamo da Gesù, Dio fattosi “estasi” per incontrarci: uscito da sé, dal suo divino splendore per farsi bambino e darci modo di offrire il meglio di noi stessi amandolo e coprendolo di baci e, a sua volta, offrirci il suo Vangelo.
La capanna. Dice l’angelo: “Questo per voi il segno: troverete un bambino avvolto in fasce, che giace in una mangiatoia” (Lc 2,12). Ci sono ancora tanti bambini che nascono in luoghi di fortuna, nella povertà, senza il necessario per crescere e la capanna è una denuncia. Ma non basta, occorre passare all’impegno: irrobustire i propositi di solidarietà, prendere parte attiva a progetti efficaci e intelligenti per il bene comune.
Nazaret. É il piccolo villaggio dove Gesù cresce accompagnato dalla premura di Giuseppe e di Maria, al calore del loro affetto. Nazaret è “la famiglia”. Stando tra la nostra gente sento quanto ancora sia radicato il senso della famiglia. Ma vedo all’orizzonte ombre minacciose che ne mettono in discussione i fondamenti. Denuncio gli stili di vita che dissuadono i giovani dal proporsi ideali e le politiche poco attente alle famiglie. A Nazaret si impara ad amare, ad accogliere le differenze, a trasmettere i valori per la vita. 
Caro don Mauro, tutto questo ho imparato vivendo nella nostra parrocchia. Non nomino nessuno in particolare perché tutti ugualmente cari.
Domenica, festa della Santa Famiglia, celebrerò qui a Pennabilli la Messa per voi.
Auguri!

                                                                                          + don Andrea

 

 

AVVISI IMPORTANTI DELLE FESTIVITÀ DI NATALE
Dalla segreteria parrocchiale

RACCOLTA VIVERI IªSETTIMANA DEL MESE DI GENNAIO 2015

C’È TANTO BISOGNO ANCHE DI TE
Viveri Richiesti: lunga conservazione

P.S. chiediamo di non inserire viveri scaduti

 

Parrocchia in festa:

28 dicembre festa della santa famiglia

Programma:

27 dicembre: ore 15 Festa dei “nonni e non”. Pomeriggio insieme!

                     ore 17.30 S. Messa per ricordare i defunti dell’anno

28 dicembre: ore 10.00 S. Messa per tutte le famiglie

                     ore 17.30 S. Messa anniversari di matrimonio                  

                                                 consegna di un dono ricordo.

 

Orari di visita del presepe artistico della Parrocchia della Sacra Famiglia: Dal Lunedì al Venerdì: negli orari di apertura della Chiesa
Domenica dalle ore 8:30 alle ore 12:30 e dalle ore 17:00 alle ore 18:45

Sabato 03 gennaio

Trasmissione in diretta dalla nostra Chiesa della Sacra Famiglia
Santo Rosario e S. Messa con Radio Maria